Recensione Robot Lavavetri Windoro

Cosa succede quando un robot che pulisce il pavimento di casa, stile Roomba per intenderci, incontra un vetro e viene colpito da radioattività aracnoide? Beh, diventa Windoro, un simpatico robot prodotto dalla coreana Pohang Institute of Intelligent Robotics (PIRO), che ha la capacità di arrampicarsi sui vetri, starvi appeso e lavarli e pulirli al posto nostro.

Questo nuovo robot per le pulizie di casa è stato alcuni anni fa in Germania.
In realtà, nonostante la presentazione in Germania, sembra che questo dispositivo sia balzato agli onori della cronaca recentemente
Windoro è entrato in commercio e viene distribuito sui mercati internazionali.

Vediamo come fa Windoro a mantenersi attaccato ai vetri e come li pulisce.
Windoro, come tutti i robot lavavetro, è composto da due unità che si agganciano l’un l’altro attraverso i due lati di una finestra, grazie ad un meraviglioso effetto magnetico, creato con l’uso di supermagneti al neodimio, che garantisce una stabilità maggiore, più affidabile e meglio resistente rispetto anche al più spinto vuoto che si possa creare.
Il robot è poi arricchito di sensori di distanza, di un metodo per il tuning dell’altezza e di un sistema per evitare gli ostacoli, che usa tranquillamente durante il suo lavoro, mentre rilascia detergente e le sue spazzole puliscono a fondo la superficie. Può lavorare su superficie vetrose lisce e ruvide, il cui spessore però sia compreso tra i 10 ed i 25mm.

Si tratta di un dispositivo particolarmente indicato per le abitazioni con molte finestre, vetrine dei negozi, bar, ristoranti e alberghi. I vantaggi sono evidenti.