Come Rinnovare il Bagno con il Mosaico

Le applicazioni dell’arte del mosaico si sono molto evolute dalla base antica dell’arte stessa. I mosaici erano sinonimo di ricchezza e rappresentavano bellissimi ornamenti nella case dell’Antica Roma. Dall’antichità ad oggi si sono susseguite realizzazioni di mosaici del tutto unici e caratteristici.

La tecnica del mosaico può essere facilmente appresa e con un po’ di allenamento ancor più facilmente realizzata. Inizialmente prendete le misure delle pareti del vostro bagno o della stanza in cui andrete a realizzare il mosaico. Prendete un supporto in legno o in altro materiale quale plastica, metallo o cemento. Se necessario scartavetrate adeguatamente per rendere liscia e pulita la superficie del supporto. Stendete ora uno strato spesso di colla per piastrelle.

Una ad una affondate con precisione e molta pazienza le tessere del mosaico. Dovrete aver preventivamente scelto il disegno o il motivo decorativo da realizzare. Tra una tessera e l’altra rimarrano dei piccoli spazi, dette fughe, che andranno riempiti con lo stucco sigillante. Successivamente dovrete livellare la superficie apportando con un panno morbido o una pastolina lo stucco in eccesso. Lasciate asciugare a dovere, pulite e lucidate con un panno.

Applicate con della colla per piastrelle il supporto dove avete realizzato il mosaico alla parete. Il mosaico è un’ottima soluzione per recuperare superfici rovinate o per dare un nuovo look ad un ambiente. Oltre alle convenzionali tessere si possono utilizzare materiali alternativi quali frammenti di ceramica, vetri colorati, sassolini e conchiglie nonchè pezzi di ferro, come viti e bulloni. Ricordate che l’unica condizione richiesta è che la parete non abbia un andamento troppo ondulato od irregolare.